Cos'è l'INCI e cosa ne penso del Bio!

25 luglio


Da qualche mese ad ora l'attenzione hai prodotti bio è cresciuta di molto.
I prodotti bio o con buon inci sono apparsi nei supermercati e fortunatamente sempre più ragazze fanno attenzione e imparano a leggere l'inci ma, cos'è l'inci? Questo sconosciuto di cui si sente più spesso parlare?
L'Inci (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) è l'elenco degli ingredienti che compongono un cosmetico. 
Al primo posto si indica l'ingrediente presente in percentuale più alta, continuando in ordine decrescente fino a quello in percentuale più bassa.
E' importante conoscere la composizione di un cosmetico perché ci permette sia di scegliere il prodotto più adatto alla nostra pelle, sia di evitare prodotti di scarsa qualità e di evitare l'applicazione di sostanza dannose e occlusive che favoriscono pori dilatati, brufoletti e vari sfoghi.
Gli ingredienti di derivazione vegetale che non hanno subito processi chimici sono indicati tramite il loro nome botanico latino, seguito da un termine in inglese. Ad esempio "prunus dulcis oil" ossia l'olio di mandorle dolci.
Le sostanze che, al contrario, hanno subito processi chimici sono espressi con nome interamente in inglese come ad esempio "Sodium Laureth Sulfate" che indica "sodio lauriletossisolfato".
I coloranti sono indicati con CI "color index" seguiti dal loro numero identificativo. Fanno eccezione i coloranti per capelli che sono idicati sempre col loro nome chimico inglese.
Questo non vuol dire che le sostanze chimiche siano sempre dannose e che le sostanze naturali siano sempre benevole per la pelle. L'identificazione delle sostanze dannose è difficile, poiché ne esistono moltissime, quindi vi elenco le sostanze principali da evitare:
  • Petrolatum, parraffinum liquidum, vasellina, mineral oil: sono sostanze derivate dal petrolio, i cosiddetti petrolati, quindi molto inquinanti e comedogeni.
  • Sostanze che finiscono per: -one, -thicone, -siloxane: sono siliconi, sostanze sintetiche che formano una patina liscia sulla pelle o/e sui capelli. Usandoli sembra di avere la pelle e i capelli molto idratati, luminosi e lisci ma quando si cessa l'utilizzo e la patina sparisce, la pelle risulta molto disidratata e secca.
  • DEA, MEA, TEA, MIPA: sono sostanze sintetiche e inquinanti. Prestate molta attenzione alla Cocamide DEA, sostanza cancerogena.
  • PEG e PPG: derivati petroliferi.
  • Triclosan: Allergenico.
  • Nonoxilon e poloxamer: sostanza sintetiche e allergeniche.
  • Glycol: solventi petroliferi.
Come vedete è un po' complicato tenere a mente e riconoscere facilmente queste sostanze. fortunatamente  il web ci viene in aiuto grazie ad app o siti appositi che forniscono recensioni ed indicazioni sull'inci. Vi segnalo i più famosi e funzionali:i




  • biodizionario.it: un vero e proprio dizionario degli ingredienti, infatti basta digitare il loro nome per scoprire se un ingrediente è accettabile o meno.

  • App come "Biotiful" o "E' Verde?": sono le soluzioni che preferisco ed anche le più facili poiché digitando il nome del prodotto troverete l'inci con la descrizione (se accettabile o meno) e può essere usata direttamente nei negozi.

  • Forum saicosatispalmi dove troverete gli inci dei maggiori prodotti e scambiare opinioni e dubbi con gli altri followers.




COSA NE PENSO
Se mi seguite su Instagram (cercarte @truccolowcost) saprete che uso prodotti bio sul viso per quanto riguarda la base e la mia routin (struccanti, creme, scrub ecc..) mentre uso anche prodotti con inci non accettabile sugli occhi. Al contrario, per la cura dei capelli uso prodotti esclusivamente con buon inci.
Sui capelli e per la base del viso sono molto rigida poiché la mia pelle non accetta siliconi o petrolati, infatti, subito dopo l'utilizzo di questi prodotti mi compaiono degli orribili brufoletti e il cuoio capelluto, irritato dai tensiottivi troppo aggressivi, prude e si riempie di pellicine simil-forfora. Naturalmente se questi prodotti sono usati raramente non causano nessun danno. Sugli occhi (che non trucco tutti i giorni) uso la maggior parte di prodotti con inci non accettabili perché non ho ancora trovato mascara, primer o ombretti in crema che hanno la stessa performance di quelli siliconici (naturalmente questa è la mia opinione).
Se da un lato sono molto felice che si trovino prodotti bio o con inci accettabile e a prezzi contenuti anche nella grande distribuzione molto più facilmente di qualche tempo fa, mi preoccupa molto l'ossessione che ho visto nascere in alcune persone. 
Che voglio dire? Ho letto su diversi forum che alcune ragazze dicevano di aver abbandonato cure date da un dermatologo, un medico, perché le creme consigliate contenevano sostanze come siliconi. E' un cosa che io trovo assurda, poiché nonostante noi possiamo conoscere perfettamente tutte le sostanze dannose non siamo comunque medici, non siamo laureate in medicina e non sappiamo cosa serve per far guarire una specifica patologia. 
Ripeto, io sono una fan accanita dei prodotti con buon inci, ma delle volte uso anche prodotti non accettabili anche perché se usati di rado non causano nessun problema.
Inoltre è sempre bene fare una ricerca approfondita riguardo le sostanze perché siti come biodizionario.it giudicano gli ingredienti riguardo la loro biodegradabilità e non secondo la compatibilità delle pelle e, anche se spesso le due cose combaciano, può accadere che un ingrediente giudicato "rosso" non sia dannoso per la pelle ma così considerato perché non biodegradabile o che, viceversa, un ingrediente sia giudicato "verde" poiché biodegradabile ma che sia molto dannoso per la pelle.
Quindi ragazze, usate il più possibile prodotti con inci accettabile ma non ne fate una "ossessione" e se vi capita di usare ogni tanto dei prodotti con inci non accettabili non sentitevi in colpa!


Voi che ne pensate? Siete d'accordo con le mie riflessioni? Aspetto i vostri commenti! 

Spero che il post vi sia piaciuto e vi sia risultato utile,
Baci @truccolowcost



SEGUIMI ANCHE SULLA MIA PAGINA INSTAGRAM, CERCA @truccolowcost

You Might Also Like

2 commenti